Perché devi trovare le palle di fare un viaggio da solo.

Guardi gli ultimi vestiti da scegliere stesi sopra il letto. La lampadina è accesa ed illumina lo zaino imbottito, una pentola a pressione che può scoppiare in aria da un momento all’altro.  Metti dentro a forza altre due paia di mutande e lasci fuori la camicia di lino che farà tanto figo ma sai già Leggi di piùPerché devi trovare le palle di fare un viaggio da solo.[…]

L’uomo di Lisbona che fermava la pioggia

Mi devo sbrigare, tra poco rinizierà a piovere. I sacchi della spesa mi pesano; sento la plastica che mi entra nella pelle e ho paura che si possa spaccare. Maledico la mia noncuranza nel mettere le cose nel carrello. Le scelte che rimpiango di più, a metà del tragitto di ritorno verso casa, sono le patate di 2 kg in offerta e le 6 bottiglie d’acqua frizzante. Mia mamma lo dice sempre che quella frizzante è più pesante.
[…]

La luce di Lisbona

La prima cosa che ti colpisce è la luce. Lo avevo letto, me lo avevano detto.
La luce, bianca e fresca al mattino, si tinge d’oro nel pomeriggio.
Abbraccia le case, si spalma liscia sui vetri e nelle scale di Lisbona picchietta i gradini. Se hai un po’ di tempo ed un libro in mano ti ci puoi sedere e sembra che lei ti abbracci calda, quasi materna.
[…]

Del viaggiare e dell’essere stronzi

Viaggiare non ti rende una persona migliore, non ti fa capire meglio le cose, non ti apre la mente, né, tanto meno, ti fa crescere. Viaggiare, come ogni esperienza, ti dà una possibilità. Ma tutto dipende da te. E allora viaggiare non serve a niente. Se stronzo sei, stronzo rimarrai. Anche a Machu Pichu, a Leggi di piùDel viaggiare e dell’essere stronzi[…]

IL MIO VIAGGIO DA SOLO IN ASIA- COME HO FATTO IO-1°parte

Viaggiare da soli in Asia? Zaino in spalla e via nel Sud-Est Asiatico? Lo so, è anche un tuo sogno. E allora lascia che ti racconti come io, un ragazzo con la testa tra le nuvola, sia riuscito a vivere 3 mesi riempendomi gli occhi, la pelle e il cuore di questa immensa terra che chiamano: Asia

***

Alcune volte tra un sogno e il suo raggiungimento c’è la distanza di un clic.

08 maggio 2016 Milano-Zurigo partenza 10.10
Zurigo Bangkok partenza 13 40.

Stato del volo: CONFERMATO.

Scrivo questo articolo con un po’ di imbarazzo e pensando a quel che potrebbero dire tutte le persone che ho incontrato in viaggio; viaggiatori veri, persi e con le mani dentro al mondo.
Che i primi passi siano sempre i più difficili e incerti non è una novità e quindi capisco il perché della domanda che più mi ha inseguito una volta ritornato a casa.

Ma come hai fatto?
Come si organizza un viaggio da solo in Asia?
[…]

Ritorno d’amore ed odio a Forte dei Marmi

Ci siamo: ritorno a casa. Ritorno a Forte dei Marmi

Non so che forma abbia il tempo ma, in generale, deve avere il viso da bastardo.
Uno di quelli che, al primo sguardo, ti sembrano degli antipatici con l’espressione incarognita e la puzza sotto il naso.
[…]

Non capite proprio un ananas!

Ma quale viaggio spirituale?

Ma quale conoscersi, quale capirsi, quale affrontare le proprie paure.
En tutte cazzate, si dice dalle mie parti.

Io sono qui, dall’altra parte del mondo, per una ed una sola ragione. Sto combattendo una battaglia estenuante e lo sto facendo per tutti voi. Sì, lo faccio per la patria, per i miei connazionali, per la vita stessa, oserei dire.
Ebbene si, sto combattendo contro una cosa che forse è più grande di me. Questo demone ha un nome: Hawaii Pizza (per chi non lo sapesse si tratta di una mostruosa variante caratterizzata dalla presenza di Ananas e prosciutto cotto)
[…]

Giorni assurdi perso in Vietnam!

Resoconto (assurdo) degli ultimi giorni.

Lungo la strada incontro qualche decina di ragazzini. Mi invitano prima a giocare a calcio con loro, poi a cena, infine ci guardiamo la finale degli europei insieme. Leggi qui per sapere tutta la storia.http://wp.me/p7uy7v-8Q
[…]

Nel Vietnam del Sud ho visitato Forte dei Marmi

L’avevo presa come una sfida personale.

La Cambogia mi aveva lasciato addosso un senso anestetizzante.
Nel percorrerla a grandi passi nei suoi centri più turistici mi sembrava che mi avesse fatto diventare insensibile al viaggio.
[…]