Perché devi trovare le palle di fare un viaggio da solo.

Guardi gli ultimi vestiti da scegliere stesi sopra il letto. La lampadina è accesa ed illumina lo zaino imbottito, una pentola a pressione che può scoppiare in aria da un momento all’altro.  Metti dentro a forza altre due paia di mutande e lasci fuori la camicia di lino che farà tanto figo ma sai già Leggi di piùPerché devi trovare le palle di fare un viaggio da solo.[…]

Ansia: le 3 -P-per sconfiggerla

Ansia e Chapter Zero vanno di pari passo. Mano nella mano viaggiano nel mondo e, dopo qualche viaggio insieme, ho capito che è possibile anche lasciarla a casa, ogni tanto. Io, nel corso delle nostre scorrazzate, ho individuato 3 modi per sconfiggere l’ansia che tanto, se la metti in valigia, ti fanno pagare un mucchio Leggi di piùAnsia: le 3 -P-per sconfiggerla[…]

Perché dubitare ci salva la vita

In una giornata di sole pieno e primaverile mi sveglio con un mal di testa che non mi dà pace. Esco in strada e raccolgo la luce d’oro di Lisbona.  Dopo giorni di pioggia si è risvegliata ed ora mi si attacca addosso, la raccolgo con gli occhi quando la vedo brillare e schiantarsi sugli Leggi di piùPerché dubitare ci salva la vita[…]

-ABBANDONA LA PARTITA- Perché perdere è l’unico modo per vincere!

Basta, stop, fine. Abbandona la partita. 
Ma non lo senti che ti fa male? Non vedi che a forza di tenere tutto queste cose dentro non riesci più a star bene?

Lascia il campo da gioco. Ma chi l’ha detto che devi stare lì a lottare, a soffrire?
Chi l’ha detto che bisogna sempre vincere?
[…]

“Ben oltre le idee di giusto e sbagliato c’è un campo. Ti aspetterò laggiù.”Il verso di Rumi che libera la mente e ci fa bene al cuore.

“Ben oltre le idee di giusto e sbagliato c’è un campo. Ti aspetterò laggiù”-Rumi-Nel corso di una vita, le parole che leggiamo ci scivolano addosso sfiorandoci la pelle e la mente. Alcune, però, si fermano, s’incastrano in punti che pensavamo aver nascosto e lì rimangono, come oasi a cui far ritorno quando il mondo fa Leggi di più“Ben oltre le idee di giusto e sbagliato c’è un campo. Ti aspetterò laggiù.”Il verso di Rumi che libera la mente e ci fa bene al cuore.[…]

-Voglio essere (anche) triste- I 3 benefici di una vita tristemente felice!

Ebbene sì, voglio essere anche triste.

Io sono uno di quei tipi strani che quando si sentono un po’ tristi accendono a tutto volume Adele, tagliando cipolle di tropea come se non ci fosse un domani e guardano in loop la scena della piccola Bambi che piange la mamma.

Masochista?
No, felice. E ora vi spiego il perché
[…]

“Prendete la vita con leggerezza, che leggerezza non è superficialità, ma planare sulle cose dall’alto, non avere macigni sul cuore” I.Calvino.

“Prendete la vita con leggerezza, che leggerezza non è superficialità, ma planare sulle cose dall’alto, non avere macigni sul cuore”. Italo Calvino Di aforismi, frasi, frasette e compagnia bella, in una vita, se ne leggono tante. In poche parole, zaan, ecco fatto: svelato il segreto dell’universo. Sì, magari.  La verità è che ormai è tutto Leggi di più“Prendete la vita con leggerezza, che leggerezza non è superficialità, ma planare sulle cose dall’alto, non avere macigni sul cuore” I.Calvino.[…]

Non permettiamo ad un voto di dividerci come Persone

pexels-photo-1

Non permettiamo ad un voto di dividerci come Persone. 

Più di ogni altro, è questo il pensiero che mi balza nella testa.

Il clima è teso; si sente pure qui, in una giornata come tante di Lisbona.
Basta sconnettersi dalla realtà ed entrare in quello stomaco di opinioni che è Internet e che tra qualche minuto ingloberà pure queste parole.

Perché scrivere allora? Perché aggiungere una voce in mezzo ad una fornace di urli.
Come al solito, scrivo per schiarirmi quei rantoli di pensieri, quel nodo che si piazza prepotente in mezzo al cranio e domanda incessantemente la mia attenzione.
E, sopratutto, scrivo per redimermi.
[…]

Solo un cucchiaino, grazie

La casa dei miei nonni sapeva di caffé. Le pareti, i mobili, il divano. La loro pelle sapeva di caffé. La domenica, alle 8 meno cinque, la macchinetta iniziava a gorgogliare, l’aroma si espandeva, si infilava nelle serrature, mi svegliava. Forse avevo cinque, forse sei anni ma ci sono immagini che si stampano dentro e sembra Leggi di piùSolo un cucchiaino, grazie[…]

L’uomo di Lisbona che fermava la pioggia

Mi devo sbrigare, tra poco rinizierà a piovere. I sacchi della spesa mi pesano; sento la plastica che mi entra nella pelle e ho paura che si possa spaccare. Maledico la mia noncuranza nel mettere le cose nel carrello. Le scelte che rimpiango di più, a metà del tragitto di ritorno verso casa, sono le patate di 2 kg in offerta e le 6 bottiglie d’acqua frizzante. Mia mamma lo dice sempre che quella frizzante è più pesante.
[…]