Le 25 cose che ho capito (e non) sulle persone con una libreria itinerante

Tutte le cose belle devono finire dicevo in uno dei primi articoli di questo BLOG.  Sì, lo penso ancora. Tutte le cose belle devono finire, o meglio, evolversi.  Affinché la miccia rimanga accesa, l’evoluzione è necessaria.  A cosa servirebbero sennò le esperienze?  Per me sono come un amo da pesca buttato giù a casaccio che ci Leggi di piùLe 25 cose che ho capito (e non) sulle persone con una libreria itinerante[…]

Perché la Gratitudine può salvarci la vita

Gratitudine. Essere grati. Dire Grazie. Fin dal piccoli ce lo dicono. “Sii grato per quel che hai; in Cina ci sono i bambini che hanno solo riso” A parte l’incredibile immagine stereotipata dei bambini cinesi che mangiano solo riso che se lo sapessero inizierebbero a lanciarci addosso involtini primavera, zuppe in agrodolce e polly con stratificazioni Leggi di piùPerché la Gratitudine può salvarci la vita[…]

Fare ciò che ci piace ci rende felici?

Eppure sembra così logico. Mi piace fare qualcosa X, la faccio e il risultato è ben servito: sono felice.  Sì, tutto perfetto, ma c’è un problema. Grosso abbastanza da dover prestare attenzione, altrimenti finisce che ci si picchia la testa contro proprio quando stiamo andando al massimo della velocità. E son dolori, dopo. È ovvio che Leggi di piùFare ciò che ci piace ci rende felici?[…]

Lettera aperta e non richiesta a Roberto Saviano sulla felicità.

Qualche tempo fa, sul quotidiano l’espresso, Roberto Saviano ha pubblicato un articolo in risposta ad una domanda di una ragazza. La domanda era una di quelle che ti mettono con le spalle al muro, come solo gli argomenti davvero importanti possono fare. -Si può essere felici in Italia, ancora?- Qui il link della risposta di Leggi di piùLettera aperta e non richiesta a Roberto Saviano sulla felicità.[…]

Perché la felicità degli altri ci fa star male (e perché va bene così)

La felicità degli altri ci irrita il collo. Il passaggio visivo di un altro essere felice ci si appiccica addosso come afa notturna. La felicità degli altri, vera o finta che sia, ci apre un varco nel petto con un coltello seghettato; espelle muffa, nebbia acida, stantia. Vorremmo raccoglierla tutta noi, la felicità. Rubare persino Leggi di piùPerché la felicità degli altri ci fa star male (e perché va bene così)[…]

Perché non possiamo essere felici

Parliamoci chiaro: non possiamo essere felici. Bisogna guardarci negli occhi e dircelo senza fronzoli, come quando si strappa un cerotto.
Possiamo sperimentare momenti, picchi, orgasmi voraci e poi tutto ricadrà sotto la nube. La felicità non è possibile e prima lo accettiamo, meglio è.
Si racconta una vecchia storia sentita per la prima volta in un mercato Leggi di piùPerché non possiamo essere felici[…]

I 5 TIPI SPIRITUALI CHE NON VORRESTI MAI INCONTRARE

La spiritualità si è estesa nel nostro mondo con la stessa velocità dei selfie e dell’allergia al glutine. Le persone spirituali appaiono all’improvviso ad ogni angolo con un’aurea mistica e una citazione di Buddha pronta sulle labbra. Non ci si può fare nulla: il processo di spiritualizzazione mondiale è iniziato e ormai è impossibile arrestarlo. Nel bene Leggi di piùI 5 TIPI SPIRITUALI CHE NON VORRESTI MAI INCONTRARE[…]

Ansia: le 3 -P-per sconfiggerla

Ansia e Chapter Zero vanno di pari passo. Mano nella mano viaggiano nel mondo e, dopo qualche viaggio insieme, ho capito che è possibile anche lasciarla a casa, ogni tanto. Io, nel corso delle nostre scorrazzate, ho individuato 3 modi per sconfiggere l’ansia che tanto, se la metti in valigia, ti fanno pagare un mucchio Leggi di piùAnsia: le 3 -P-per sconfiggerla[…]

-ABBANDONA LA PARTITA- Perché perdere è l’unico modo per vincere!

Basta, stop, fine. Abbandona la partita. 
Ma non lo senti che ti fa male? Non vedi che a forza di tenere tutto queste cose dentro non riesci più a star bene?

Lascia il campo da gioco. Ma chi l’ha detto che devi stare lì a lottare, a soffrire?
Chi l’ha detto che bisogna sempre vincere?
[…]

-Voglio essere (anche) triste- I 3 benefici di una vita tristemente felice!

Ebbene sì, voglio essere anche triste.

Io sono uno di quei tipi strani che quando si sentono un po’ tristi accendono a tutto volume Adele, tagliando cipolle di tropea come se non ci fosse un domani e guardano in loop la scena della piccola Bambi che piange la mamma.

Masochista?
No, felice. E ora vi spiego il perché
[…]