“Prendete la vita con leggerezza, che leggerezza non è superficialità, ma planare sulle cose dall’alto, non avere macigni sul cuore” I.Calvino.

“Prendete la vita con leggerezza, che leggerezza non è superficialità, ma planare sulle cose dall’alto, non avere macigni sul cuore”. Italo Calvino

Di aforismi, frasi, frasette e compagnia bella, in una vita, se ne leggono tante. In poche parole, zaan, ecco fatto: svelato il segreto dell’universo. Sì, magari. 

La verità è che ormai è tutto uno slogan, una frase ad effetto concepita per stupire, per darci l’idea che siamo davanti al nuovo quando è sempre la stessa solfa, trita e ritrita. 
Chapter Zero è diverso. Chapter Zero è la verità e questo non si discute.
Chapter Zero è l’anello mancante tra il senso della vita e il senso dell’ananas sulla pizza. 

No, purtroppo non è così. A certe cose non vi è ancora risposta e milioni di uomini nel mondo continuano ad apporre su l’unico grande capolavoro umano (la pizza), una fetta di un frutto dolce (ananas) concepito per essere mangiato dopo un lauto pasto, o come una salutare merenda.

Ma c’è una frase che da un po’ di tempo a questa parte non si schioda dal mio cervello fatto a quadratini e pizze. 

Prendere la vita con leggerezza. 

Bello, bellissimo. Basterebbe solo questo. 
Dovremmo dirlo ai bambini, a quelli che si porteranno il peso del mondo sulle spalle.

-Prendete la vita con leggerezza. Sempre-

Cos’è importante? Pensiamoci un attimo! Cosa è davvero importante? 
Sono sempre convinto che agire seguendo la magnifica arte del cazzeggio è la risposta più appropriata ad almeno il 75% dei problemi della vita. L’altro 15% sono tasse e brufoli adolescenziali. 

Che leggerezza non è superficialità

Eh sì, il nostro Italo ce lo ha voluto dire bello e chiaro perché lo sapeva, lui, che siamo dei testoni e abbiamo la mente aperta quanto un pugno. 
Essere leggeri non è sinonimo di superficialità. Anzi, se proprio me lo chiedete (sì, nessuno mi ha chiesto nulla, ma facciamo che sia così) leggerezza è sinonimo di profondità. 

Sta nel togliere la vera arte. Nel ridurre all’essenziale i problemi, i pensieri, gli inutili girotondi spinati che abbiamo nel cervello. 
Insomma, questa cosa che tutti chiamiamo vita non è una delle cose più semplici da capire, no? E allora perché non limare invece che aggiungere peso? Perché non filtrare, perché non far evaporare, perché non allentare la presa?
In 3 parole: diamoci una calmata. 

Ma è planare sulle cose dall’alto. 

Si sa: i problemi sono TROPPO grandi perché li guardiamo da TROPPO vicino. 
Io, che sono il creatore di Chapter Zero e portatore della luce su questa tenebrosa terra, uso da un po’ la tecnica dello sguardo dall’universo di cui scriverò in un altro articolo. 
Planare dalle cose dall’alto, avvicinarsi ai problemi, ai grovigli con il giusto tempo, avendo avuto modo di guardarli nella loro interezza e avendone scorto forze e difetti. 

C’è mai stato un problema che, in qualche modo, non hai saputo risolvere? 
C’è mai stato un ostacolo talmente grande che ti ha sbattuto giù per sempre?
Sì, dici? 

Eppure sei sempre qua.
Eppure sei sempre in piedi. Fatichi, fatichiamo, ma anche quella montagna che ti sembrava insormontabile è dietro le spalle tra la sabbia e i ricordi. 

 
Ci sarebbe potuta essere meno sofferenza? Eh, sì, magari sarebbe stato meglio. 
Magari sarebbe meglio crescere senza trascinarci dietro cicatrici profonde come squarci, lasciti di passato grandi come macigni. Crescere con  gioia e la sofferenza, tanto di quella ce ne è sempre un po’, come attrice non protagonista. Una di quelle componenti che comunque ora servono, o di cui non sappiamo farne a meno…

Non avere macigni sul cuore

Lo riscrivo: Non avere macigni sul cuore. 
Capolavoro. 

Qual’è il senso di tutto ciò? 
Del viaggiare, del conoscere, del conoscersi, dello scrivere, del leggere, dello studiare, dell’amarsi, del capire, del forzare gli eventi secondo un ordine che piace a noi?

Rispostina da nulla, ma come ho detto prima Chapter Zero ha la scienza infusa dentro e ci prova. 
Mettiamola così: non ho idea di quale sia il senso ma, se mi metto un po’ in versione Vasco Rossi, mi viene da dire che avere macigni sul cuore non ha senso.
O almeno non è il senso giusto. 

Non siamo fatti per portare macigni, men che mai sul cuore. Non è proprio il posto adatto, il cuore. Non per i pesi, per le agonie, per la sofferenza
Che tutta la merda scorra pure sul corpo, ma non permettiamo che finisca dentro al cuore. 

Non facciamo che l’esterno ci cambi dentro, come persone, come uomini. 
Non trasciniamo il peso del mondo su di noi. Ne abbiamo fatti di passi in avanti dall’uomo di Neanderthal e dalle pietre. 

Se tutta la corsa non fa altro che aumentare pesi, siamo sicuri di star correndo nel verso giusto? 
Che la fatica, la giusta dose di dolore, di sofferenza, di problematica sorga pure.
Che ci metta alla prova, che ci tempri il sangue e rinforzi le ossa. Che ci spinga in avanti e verso di noi. Che faccia crescere il desiderio di una vita migliore, piena, vera. 

Ma non portiamo macigni. Lasciamoli a terra, depositiamoli al suolo. 
Come si fa a spiccare il volo, a stare a pelo d’acqua, a danzare liberi con un macigno dentro al cuore? 

Lo so, sono un po’ in ritardo per i buoni propositi del 2017. Giusto quei 10 giorni di latenza. Ma ne è valsa la pena, no?

E allora il mio proposito per voi e per me stesso è questo:
Un anno all’insegna del togliere peso (anche fisico, dopo i panettoni), del limare i pensieri scorbutici. 
All’insegna della leggerezza, quella profonda, quella che ti fa pizzicare il cuore di gioia.


Se questo articolo ti è piaciuto, lascia un commento e condividilo sui social.

A sto punto, già che ci sei, puoi mettere mi piace alla pagina:

-CHAPTER ZERO- su Facebook cliccando sull’icona

facebook_318-136394


One thought on ““Prendete la vita con leggerezza, che leggerezza non è superficialità, ma planare sulle cose dall’alto, non avere macigni sul cuore” I.Calvino.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...